Sharingdaddy cambia casa

sharingdaddy cambia casa

E’ un immagine di qualche anno fa, ma rende bene l’idea. La mia vita è una lunga e meravigliosa camminata, la quale, a volte, passa attraverso bellissimi viali alberati, ma in altre occasioni è un sentiero di montagna in salita ripida e con un fondo sdrucciolevole. Ho cominciato a raccontare del mio percorso da papà single nel 2016 sul mio blog personale e se mi guardo indietro sembra sia passato un secolo. Ho fatto molta strada e molta ne ha fatta anche il mio Davide. E’ un cucciolo di uomo assennato e dolce, vivo e curioso, forte e gentile. E io sono Sharingdaddy, il papà single che fa il blogger prendendola dalla parte del sorriso.

Io sono solo il suo apprendista genitore e spesso mi meraviglio di quanto lui riesca a insegnarmi in questi giorni così fluidi. E’ energia pura, è acqua fresca, è il lampo di una trovata geniale e la musica di una risata. Per celebrare degnamente noi due, per celebrare come si deve l’amore più grande che c’è, ho deciso che doveva nascere un luogo vero e unico, un posto virtuale che fosse davvero dedicato al racconto di noi e al mio percorso di papà sigle con il sorriso stampato sul volto e il sole addosso alla faccia. Ho fatto io questo piccolo blog scegliendo un tema dedicato ai viaggi. Semplice il motivo: su queste colonne io racconterò proprio un viaggio, il viaggio della vita di un papà.

Il viaggio di Sharingdaddy.

Troverai anche qui quello che hai trovato nel mio blog personale, www.francescofacchini.it. Per cui consigli, suggestioni, suggerimenti, recensioni, avventure, incontri, cose utili, itinerari, gite, giochi, riflessioni, magari incazzature, pericoli, bellezza, web, fantasia, amore per la vita. In questi mesi la comunità italiana dei padri single e separati ha cominciato a conoscermi e ha capito che sono quello che parla in positivo. Ecco, qui continuerò a farlo, continuerò a darti con semplicità una visione della vita nella quale la felicità è sempre una cosa da scegliere, non un caso su cui andare a sbattere.

In questi mesi ho incontrato tanti papà separati e ho conosciuto il mondo dopo la fine di un matrimonio. E’ stato difficile, non te lo nego. Però ho potuto toccare con mano quanto aiuto si può ricevere se solo si ha il coraggio di ricominciare tendendo le mani a qualcuno e urlando: “Sono in difficoltà, mi date una mano?”. Ho ricevuto molto ed è per questo che sono riuscito, in nemmeno due anni, a ribaltarmi la vita e a uscire da una crisi pesantissima. Ora sono diventato acqua, acqua del mare. Sono liquido, rinfrescante. Sono fonte, rivolo, ruscello, fiume, oceano. Ecco perché ho scelto quella immagine di copertina.

Se vuoi potremmo fare un pezzo di strada insieme. Ti aspetto, scrivimi, contattami, chiedimi delle cose o suggeriscimi degli spunti, dei posti da visitare, delle emozioni da vivere con mio figlio. Buon viaggio a te, a  Davide e a me.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *